Allarme sicurezza: un furto ogni 2 minuti

Dopo il periodo di lockdown causato dal Covid-19 ci chiediamo quando potremo davvero tornare alla normalità. La strada è ancora lunga, ma quello che spicca tra i vari quesiti riguarda l’ambito della sicurezza.

L’apparente abbassamento di furti di autovetture e motocicli durante il periodo del lockdown, con i posti di controllo che scoraggiavano ladri e rapinatori, appena iniziata la FASE 2 ha visto una rapida ripresa del fenomeno. Di fatti è stato registrato un aumento di denunce, rispetto allo stesso periodo del mese scorso, pari al 400%. Non meno rilevanza rivestono il furto all’interno delle abitazioni e delle aziende.                                

A pochi giorni dall’inizio della cosiddetta FASE 2, non è escluso che non appena vi sarà possibilità di avere una diminuzione consistente delle restrizioni e l’acquisizione di un’importante fetta di libertà, i “professionisti del settore” (ladri) possano aumentare esponenzialmente il loro “operato”, sia all’interno delle abitazioni che nelle aziende.           

Secondo la ricerca dell’Istituto di mercato Sondea realizzata in collaborazione con Verisure Italia, esistono delle categorie di persone che hanno subito più furti in casa. Degli intervistati la fascia più colpita risulta essere quella di età compresa dai 40 anni fino agli over 50 con il 46,5%. Chi ha avuto un episodio del genere, parliamo del 39%, è residente in grandi comuni con più di 50.000 mila abitanti. L’indagine rivela che più del 59% appartiene ad una classe sociale media e le zone più a rischio risultano essere il Centro Italia e il Nord. Queste tipologie di persone affermano di aver subito un furto o di conoscere un amico/parente che è stato derubato negli ultimi due anni.        

Un altro dato significativo è che il 50% delle vittime è un lavoratore che trascorre molto tempo lontano da casa.                             
Gran parte dei furti viene consumato in appartamenti al piano terra/primo piano, parliamo del 34,23% e al secondo posto ci sono le ville con il 28,62%.

Ciò che raccomandiamo, o meglio consigliamo, è di provvedere alla messa in sicurezza delle proprie abitazioni sia a livello di dispositivi di sicurezza (impianti d’allarme, inferriate, infissi blindati etc.), sia in ambito assicurativo andando a stipulare una polizza ad hoc che possa tutelarci  dal danno causato alla merce eventualmente trafugata, sia dai danni commessi dai ladri per effettuare il furto o il tentato furto (ad esempio danni ad infissi e/o contenuto dell’abitazione o dell’azienda).    

In questo modo sarà possibile garantire a sé stessi, alla propria famiglia e alla propria azienda la serenità per poter ripartire. Consigliamo di rivolgersi sempre a professionisti del settore per non incorrere in spiacevoli conseguenze nel momento del bisogno.            

La BARTOLOZZI ASSICURAZIONI BROKER SRL è a vostra disposizione per preventivi personalizzati  senza costi né impegno: soprattutto nel momento in cui ci accingiamo ad andare in vacanza e, pertanto, a lasciare “indifese” le nostre abitazioni e le nostre aziende (tradizionalmente presidiate da costante presenza umana).

OGGI, AVERE UN’ADEGUATA COPERTURA ASSICURATIVA RISOLVE IL 100% DEL PROBLEMA NEL 96% DEI CASI.

Quali sono le novità del Superbonus 110%

Quali sono le novità del Superbonus 110%

La nuova Legge di Bilancio 2021 ha stabilito alcune novità che aggiornano la norma relativa al cosiddetto "Superbonus 110%".Vediamo quali sono i punti principali della riforma. Il Superbonus 110% è stato prorogato al 30 giugno 2022 per quei lavori destinati ad essere...

Polizza D&O, quando è importante tutelare le proprie responsabilità

Polizza D&O, quando è importante tutelare le proprie responsabilità

Un sindaco, un dirigente, un amministratore, il presidente o il vice presidente di una società (ma anche altri ruoli, come per esempio quelli proposti al controllo sulla GDPR) devono rispondere di fatti che non dipendono direttamente dalla loro volontà.La cosiddetta...